Sebbene saldare sia un’operazione abbastanza semplice che può essere appresa anche da autodidatta, per farlo bene ci sono alcuni segreti che non tutti sanno. Di seguito vediamo le tre regole d’oro per saldare in maniera corretta e ottenere i risultati di qualità

1.     Liberare lo spazio

Liberare lo spazio di lavoro rappresenta il primo passo per poter saldare in maniera corretta. Non è pensabile riuscire a svolgere tutti i lavori in mezzo al disordine. Non si tratta solo di un impedimento generale ma chi lavora in queste condizioni si mette in pericolo. Sì ci sono degli intralci tra le gambe, diventa più facile sbagliare e ferirsi anche quando si tratta di lavori banali e piuttosto semplici. Prima di iniziare ad utilizzare la saldatrice portatile, meglio quindi  fare ordine sul piano di lavoro e anche sul pavimento.

2.     Fissare i pezzi

Una seconda regola d’oro per saldare in maniera corretta e precisa, prevede di fissare bene i pezzi in metallo da unire. Tantissime persone ancora oggi non riescono ad ottenere il risultato sperato perché non si preoccupano di mettere nella posizione corretta le varie parti prima della saldatura. Va a finire che le varie parti in metallo, comprese sottili lamiere, non si uniscono correttamente e si ottiene un cordolo di saldatura non soddisfacente. Potrebbe essere troppo spesso purtroppo fine per potersi dire soddisfatti del risultato finale. Non è solo un problema di natura estetica ma si tratta anche di un lavoro che non garantisce tenuta nel corso del tempo. Gli angoli più particolari sono quelli che richiedono più cura del normale.

3.     Dall’alto verso il basso

Per saldare nel modo più corretto, la saldatrice portatile va utilizzata sempre dall’alto verso il basso. In questo modo, il movimento è più fluido e naturale. I pezzi vanno posizionati e sistemati per poter svolgere il movimento in questo verso. Chi dovesse muoversi in maniera diversa è facile che non raggiunga il risultato desiderato. Ancora una volta, conviene ribadire che la posizione dei pezzi deve essere studiata con attenzione, utilizzando anche delle morse e morsetti per tenere tutto nella corretta posizione.

Di Grey