Quando si parla di dialisi è bene sapere che è un trattamento che può essere svolto con diverse modalità, ovvero la dialisi peritoneale oppure l’emodialisi che approfondiamo qui di seguito.

Dialisi peritoneale: come si svolge

La dialisi peritoneale prevede l’inserimento di un catetere nella zona peritoneale, per tale motivo questa modalità prende questo particolare nome.

Nella zona addominale viene sistemato con un piccolo intervento chirurgico un catetere che poi resta fisso per permettere al paziente di svolgere la terapia in maniera continuativa senza dover tutte le volte praticare punture.

Una volta che la ferita si è rimarginata, si può eseguire la terapia che spesso si svolge in ospedali o centri specializzati presso cui recarsi anche grazie a un servizio di ambulanza privata a Napoli che mette a disposizione un’automedica con tutte le dotazioni uguali a una normale ambulanza pubblica del servizio di emergenza.

Una volta pronto, attraverso il catetere si inietta una speciale soluzione detta dializzante. Il particolare liquido entra in circolo e richiama a sé tutti gli elementi di scarto che il rene malfunzionante e compromesso non riesce più a prelevare. Una volta concluso, tutto viene espulso sempre tramite il solito catetere.

Emodialisi: come si pratica

La dialisi può essere svolta anche in altro modo e si parla quindi di emodialisi. Si utilizza un macchinario che svolge le funzioni del rene, motivo per cui prende il nome di rene meccanico.

Il sangue viene prelevato dal paziente e passato dentro la macchina che si occupa di svolgere tutti i compiti che il rene malato non svolge più, iniziare nell’eliminare tutte le tossine presenti prodotte durante la normale sintesi cellulare.

Tutte le cellule di ogni singolo tessuto del corpo ogni giorno producono liquidi e residui che il sangue porta fino al rene, il quale dovrebbe prelevarle per evitarne l’accumulo. Entrambi i trattamenti vanno svolti più volte in settimana e dura anche 4 ore. È un trattamento salvavita perciò va eseguito in maniera assidua, sebbene un impegno così gravoso comunque spesso riduce la qualità della vita del paziente.

 

Di Grey